Ganoderma

Proteggi il fegato – Epatoprotettore naturale

Il fegato, è un importantissimo organo del nostro corpo deputato alla metabolizzazione di tutte le sostanze,  Le cellule di questo organo si trovano davanti, in ogni momento della giornata, cariche di lavoro, per neutralizzare le tossine che penetrano nel nostro corpo, agendo come  disintossicante . Il nostro corpo è spesso soggetto al contatto con sostanze : Alcolfumo, pesticidi, farmaci,Droghe di vario genereadditivi presenti nel cibo, che possono, col tempo danneggiare tale organo provocando Epatiti , Cirrosi , Fibrosi , Tumori.

Per aiutare il fegato nel suo compito e nella sua protezione esistono delle erbe , dei veri e propri epatoprotettori , uno di questi è l’estratto di Ganoderma ( Olio di Ganoderma ) .

La dottoressa Ulrike Lindequist, dell’Istituto di Farmacia dell’Università di Greifswald, in Germania, cita quattro ricerche dalle quali è emerso che il fungo Reishi è utile in caso di Epatite B.
Prendendo in esame un gruppo di pazienti, il dottor Gao ha documentato che il trattamento con il fungo Reishi nel 33% dei casi ha ricondotto nella norma le transaminasi elevate e nel 17% ha eliminato e negativizzato l’antigene B (HBS) dal sangue.
Questa nuova ricerca, pubblicata sull’autorevole rivista scientifica “International Journal of Medicinal Mushrooms”, ha dunque documentato l’efficacia del Reishi e aperto la strada al suo utilizzo nel trattamento dell’Epatite virale B cronica. (Gao et al. 2002)
Le altre tre ricerche hanno stabilito invece che il Reishi, ricco di acidi Ganoderici (TRITERPENI n.d.r)  R e S e di acido Ganosporerico A, possiede una forte attività protettiva nei confronti del fegato, in grado di neutralizzare la galattosamina, prodotta dalla flora disbiotica dell’intestino. Ricordo che la galattosamina è una sostanza cancerogena responsabile dell’insorgenza di epatiti, cirrosi e tumori. (Hirotani M, 1986; Chen RY, 1993;  Wang MY, 2002)
Bisogna tenere alta l’attenzione perché numerosi convegni di esperti tenutisi in questi anni e tantissime ricerche mediche hanno purtroppo evidenziato una crescita sempre più massiccia di queste patologie.

Fonte studio  : Blog Dott. Ardigò

  Composizione Chimica del Ganoderma

  • Polisaccaridi, peptidoglicani e eteropolisaccaridi.
  • Triterpeni (acidi ganoderici classificati di A a Z) con attività tipo antistaminico (A, C e D), hepatoprotectiva (R), anti-ipertensiva (B, D, F, H, K, S, Y), ipocolesterolemizzante (M, F), ACE-inibitore (ganoderol B) e antiaggregante.
  • Minerali (ferro, zinco, manganese, magnesio, potassio, germanio, calcio).
  • Vitamine del gruppo B (in particolare Vit. B9).
  • 17 aminoacidi tra cui tutti essenziali.
  • Steroli e sostanze del tipo cortisone.
  • Adenosina e guanosina con effetto antiaggregante piastrinico, miorilassante (del muscolo scheletrico) e sedativo del SNC.
  • Omega 9 – 6 e 3 Riducono i livelli di colesterolo e trigliceridi ematici.
    Prevengono l’insorgenza dell’aterosclerosi ostacolando la formazione di coaguli e l’aggregazione delle piastrine.
    Aiutano a diminuire la pressione arteriosa.
    Utili in caso di malattie infiammatorie ed allergiche (psoriasi, eczema) ed autoimmuni (artrite reumatoide).
    Sono essenziali per lo sviluppo ed il buon mantenimento del sistema nervoso centrale (il DHA).

Effetto epatoprotettivo:

  • Ripristina e normalizza il funzionamento delle cellule epatiche danneggiate. (Rigenera il fegato).
  • Riduce l´infiammazione epatica, grazie all´azione dei Triterpeni, migliorando l’ epatite.
  • Accelera la decomposizione di alcol.
  • Impedisce l´ossidazione causata da sostanze tossiche.
  • Previene gli stati cirrotici.

 Conclusione

L’argomento  su questo fungo è molto ampio tutto da scoprire  , in questo caso il consiglio che si può dare è sempre quello di prevenire anzi che curare , prima che sia troppo tardi pensate a mantenere la vostra salute sempre al massimo tenendo cura dell’alimentazione e limitandovi nel consumo di Alcolici .

Bibiografia

Chen RY and Yu DQ. Studies on the triterpenoid constituents of the spores from Ganoderma lucidum Karst J Chin Pharm Sci 1993; 2: 91–6

Gao Y, Zhou S, Chen G, Dai X, Ye J, Gao H. A phase I/II study of a Ganoderma lucidum (Curt.:Fr.) P.Karst. (Ling Zhi, Reishi mushroom) extract in patients with chronic hepatitis B Int J Med Mushrooms 2002; 4: 2321–7

Hirotani M, Ino C, Furuya T, Shiro M. Ganoderic acids T, S and R, new triterpenoidsfrom the cultured mycelia of Ganoderma lucidum Chem Pharm Bull 1986; 34: 2282–5

Wang MY, Liu Q, Che QM, Lin ZB. Effects of total triterpenoids extract from Ganoderma lucidum (Curt.:Fr.) P.Karst. (Reishi Mushroom) on experimental liver injury models induced by carbon tetrachloride or D-galactosamine in mice Int J Med Mushrooms 2002; 4: 337–42

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *